Archives par mot-clé : italie

Publications de Luciano Currerri

rosso

 

  1. Per un racconto dello scacco. Simenon e Sciascia venticinque anni dopo / Pour un récit de l’échec. Simenon et Sciascia vingt-cinq ans après. Édités par Danielle Bajomée et Luciano Curreri, avec la collaboration de Giuseppe Traina /A cura di Danielle Bajomée e Luciano Curreri, con la collaborazione di Giuseppe Traina, Cuneo, Nerosubianco, « Le bandiere », 2015

Venticinque anni fa, nel 1989, a distanza di due mesi l’uno dall’altro (4 settembre e 20 novembre), scomparivano Georges Simenon (Liège, 1903) e Leonardo Sciascia (Racalmuto, 1921). Apparentemente, niente sembra unire i due uomini, né i due scrittori, entrambi autori di racconti polizieschi…

Il y a vingt-cinq ans, en 1989,  disparaissaient Georges Simenon (Liège, 1903) et Leonardo Sciascia (Racalmuto, 1921), à deux mois d’intervalle (4 septembre et 20 novembre). Apparemment, rien ne semble unir les deux hommes, ni les deux écrivains, auteurs tous deux de fictions policières…

http://www.nerosubianco-cn.com/scheda.asp?id=131

2. Luciano Curreri, Solo sei parole per Sciascia. Zolfara, popolo, etica, corpo, leggerezza, saggio, Leonforte (EN), Euno, «Le scritture della buona vita», 2015

link : http://eunoedizioni.it/content/solo-sei-parole-sciascia

(3) Luciano Curreri & Michel Delville (a cura di), Il grande «incubo che mi son scelto». Le grand «cauchemar de mon choix». The big «nightmare of my choice». Prove di avvicinamento a Profondo rosso / Les Frissons de l’Angoisse / Deep Red (1975-2015), Edizioni Il Foglio, Piombino (LI), «Archivi Diversi» (3), 2015 Continuer la lecture de Publications de Luciano Currerri

Parution: Ilcorsaronero 19

corsaro nero

Parution

Ilcorsaronero 19

 

Sommario de “Ilcorsaronero” n. 19:

Editoriale; Marcello Simoni (Dove l’avventura e il mare si intrecciano in storie incredibili);

Claudio Gallo&Giuseppe Bonomi (Qualcosa di nuovo sull’alunno Salgari/Dai registri scolastici della scuola media “Paolo Caliari” di Verona);

Luca Crovi (La Frontiera di Elmore Leonard): Nicola Ruffo (Intervista con Moreno Burattini, curatore della serie a fumetti “Zagor” di Bonelli Editore);

Luciano Curreri (Gabriele, dove sei? Notolette birichine intorno al 150° anniversario della nascita e al 75° della morte di Gabriele d’Annunzio);

Luigi De Liguori (Poe e Salgari: una discesa nel Maelström);

Claudia Mizzotti (Presentazione di Cuore di tigre al liceo “Messedaglia” di Verona. Da Taibo II a Carlotto: scrittori in cattedra);

Franco Pezzini (Ricordare al futuro. Riccardo Valla, Paolo De Crescenzo e le Ombre Lunghe);

Stefano Nocentini (Salgari e i paletuvieri);

Danilo Arona (A volte esistono);

Emanuele Delmiglio (Capitani coraggiosi);

Darwin Pastorin (Quando le favole cominciavano con «C’era una volta…»);

Chiara Begnini (Bisogna leggere Sandokan per sentirsi Sandokan? Quel che resta dell’anno salgariano);

Claudio Gallo (Pietro Gelatti, libraio delle meraviglie);

Giovanni Soldati (Mio padre, Mario Soldati, ed Emilio Salgari);

Massimo Tassi (Don Camillo e Peppone parlano il russo);

Cavalcando l’avventura, a cura di Gino Bedeschi, Giuseppe Cantarosa e Bartolo Tondini; Segnalazioni bibliografiche.

 

PER ABBONARSI

L’abbonamento per il 2013 (anno solare) alla rivista Ilcorsaronero ha un costo di € 12,00 (sostenitore € 25,00). L’importo può essere inviato tramite versamento sul conto corrente postale n. 98473986 intestato a: Associazione Ilcorsaronero

Specificare nella causale: Ilcorsaronero – 2013.

L’ufficio postale rilascerà direttamente ricevuta dell’avvenuto versamento.

La cifra di cui sopra è da intendersi quale contributo alle spese tipografiche e di spedizione della pubblicazione.

Consultando il sito www.delmiglio.it 

è possibile trovare il contenuto di tutti gli arretrati de Ilcorsaronero

Presto nuove news sul mondo dell’avventura!

Conférence: Pepe, Rogas, Santamaria… Les inspecteurs des fictions policières italiennes

Dans le cadre du Festival International du Film Policier de Liège

Le séminaire de l’imaginaire, la BiLA présente:

“Pepe, Rogas, Santamaria… Les inspecteurs des fictions policières italiennes”

par Luciano Curreri (ULg).

Pepe, Rogas, Santamaria… Trois fonctionnaires de la police italienne qui sortent de trois romans: Il commissario Pepe (Ugo Facco De Lagarda), Il contesto (Le contexte) de Leonardo Sciascia, La donna della domenica (La femme du dimanche) de Fruttero & Lucentini.

Trois romans (respectivement de 1965, 1971, 1972) devenus films grâce à trois metteurs en scène de premier plan: I

– Il commissario Pepe (Le fouineur) d’Ettore Scola (Trevico, Avellino 1931), paru dans les salles en 1969;

– La donna della domenica (La femme du dimanche), de Luigi Comencini (Salò, Brescia 1916- Rome 2007), en 1975;

– Cadaveri eccellenti (Cadavres exquis), de Francesco Rosi (Naples 1922), en 1976.

Face à la standardisation d’une bonne partie de la littérature policière et du cinéma de nos jours, ces trois romans et ces trois films marquent une sorte d’âge d’or du “giallo” italien, où se mêlent avec raffinement la quête classique du meurtrier et la déconstruction du genre, la réalité et l’imaginaire de toute la péninsule, la comédie des moeurs et l’engagement, la lutte contre le pouvoir obscur des démocraties occidentales et la ruse de la culture populaire italienne de cette époque si terrible, mais si féconde, entre la seconde moitié des Sixties et les années de plomb.

Après, avec l’assassinat d’Aldo Moro (1978), l’été des massacres (l’attentat de la gare à Bologna et la tragédie d’Ustica en 1980), la chute du mur de Berlin en ’89, les scandales politiques et l’opération “Mains propres” et la soi-disante deuxième république italienne des années quatre-vingt-dix, les choses vont changer…

Le conférencier:

Le Professeur Luciano Curreri enseigne la langue et la culture italienne au sein du département de langues et littératures romanes de l’Université de Liège.

Jeudi 25 avril, à 12h00, à la Bibliothèque des Chiroux, Place des Carmes, 4000 Liège.

Parution, Emilio Ghione, Za La Mort.

Parution

Emilio Ghione, Za la Mort

a cura di Denis Lotti

Nerosubianco, coll. le drizze, 2012

Nel 1925 Za la Mort, eroe del cinema muto italiano, diventa protagonista di un romanzo cinematografico dal titolo eponimo. Chi lo scrive è il suo creatore, Emilio Ghione, regista e attore – tra i maggiori divi del nostro cinema – che ha conosciuto, negli anni della Grande Guerra, fama internazionale. Ghione è anche l’interprete di Za la Mort: un connubio totale che segna, nel bene e nel male, la sua carriera. Con il Dopoguerra, il cinema italiano vive una grande crisi. Molti beniamini del pubblico sono costretti ad abbandonare le case di vetro per sempre o a emigrare in Germania. Tra questi ultimi troviamo anche Ghione, che a Berlino gira un film, L’incubo di Za la Vie (1924), alla base di questo romanzo. Ma già l’anno successivo rientra in Italia.
Za la Mort è pubblicato in appendice a «Il Mondo» di Amendola e poi riedito nel 1928 da Nerbini, illustrato dal grande Giove Toppi, nella versione definitiva che qui riproponiamo. Ghione morirà due anni dopo, alle soglie del cinema sonoro. Giacché i film di Za risultano in larga parte dispersi o incompleti, il romanzo (assieme al successivo L’ombra di Za la Mort) è l’unica sua avventura giunta integra ai giorni nostri.
di Emilio Ghione
a cura di Denis Lotti

Denis Lotti (Vicenza, 1975) è dottore di ricerca in Storia del cinema. Si occupa di cinema muto italiano, in particolare di divismo maschile e di cinema coloniale. Fra le sue ultime pubblicazioni: Emilio Ghione l’ultimo apache (Cineteca di Bologna, 2008). Cura un archivio di immagini cinematografiche on line (Archivio Denis Lotti).
Di Ghione prepara anche la riedizione, in un unico volume, del saggio sul cinema italiano (La parabole du cinéma italien, 1930), pubblicato a Parigi, e dell’autobiografia (Memorie e confessioni, 1929).
Collabora attivamente all’Airsc – Associazione Italiana per le Ricerche di Storia del Cinema e alla rivista «Immagine. Note di storia del cinema».

Parutions: Il Peplum d’Emilio et L’ elmo e la rivolta (Luciano Curreri, Giuseppe Palumbo)

Parutions

Luciano Curreri, Il Peplum d’Emilio

et

Luciano Curreri, Giuseppe Palumbo

L’ elmo e la rivolta

Luciano Curreri, Il Peplum d’Emilio

In tempi di revival salgariano (acceso ma un po’ miope) e di nuova fortuna del peplum (con egual destino d’immediata e inutile adesione), questo volume tenta di tracciare una particolare mappa dell’antichità immaginaria distesa tra letteratura e cinema a partire da due romanzi – Le Figlie dei Faraoni (1905) e Cartagine in fiamme (1906 e 1908) – di Emilio Salgari, il più prolifico scrittore italiano d’avventura delle patrie lettere moderne, di cui quest’anno ricorre il 150° anniversario della nascita (Verona, 1862).

Indice

Invito alla lettura, di Ernesto Ferrero

PREMESSA

IL FUOCO, I LIBRI, LA STORIA
Saggio su Cartagine in fiamme (1906) di Emilio Salgari

IL MITO CULTURALE DI CARTAGINE NEL PRIMO NOVECENTO TRA LETTERATURA E CINEMA

PER SFUGGIRE ALLE FIAMME BISOGNA AFFIDARSI AL MARE (OVVERO SAPER NUOTARE)

SALGARI TRA ROMAN-PÉPLUM E VOYAGE EN ORIENT
Appunti e ipotesi per Le Figlie dei Faraoni (1905)

Luciano Curreri, Giuseppe Palumbo
L’ elmo e la rivolta

Il primo ‘saggio disegnato’ di storia della cultura, dall’antichità ai nostri giorni, dalle fonti alla fanta, che bevevamo al cine guardando i peplum americani e i sandaloni italiani. Tutto, infatti, inizia in un cinema, dove Giuseppe Palumbo e Luciano Curreri guardano il film “Spartaco”, di Kubrick, e, alla famosa scena del corale “Io sono Spartaco”, iniziano a sognare la storia e a pensare alla nostra attualità. Dov’è finito Spartaco, si chiedono. Dov’è finita la rivolta? E allora Curreri si fionda in biblioteca, in archivio, e Palumbo si mette alla alla china. Scoprono che Scipione, il grande generale che sconfisse Cartagine, e Spartaco, l’oscuro leader della rivolta degli schiavi, sono all’origine di due miti che trascendono di gran lunga le scarse informazioni di cui disponiamo su di loro; due miti che la modernità ha accolto, elaborato e digerito, opponendoli di frequente l’uno all’altro. Tutto raccontato e disegnato, fino al 2011; quel 2011 che a noi suona come un’odissea nello spazio della nostra storia, come un’unità di duci e schiavi.

Curreri Luciano (Université de Liège)

Luciano Curreri (Turin, 1966) est professeur ordinaire de Langue et littérature italienne à l’Université de Liège où il enseigne la civilisation, la littérature moderne et contemporaine, l’histoire de la critique et de la langue. Il s’est spécialisé dans la culture des XIXe et XXe siècles: les «pinocchiate» (les prolongements des Aventures de Pinocchio); le péplum, l’antiquité dans le roman et le cinéma italiens; l’histoire de l’Italie à travers les films (notamment le cas du fascisme italien et de la comédie à l’italienne); la guerre (surtout la représentation de la guerre civile espagnole dans l’imaginaire italien). Continuer la lecture de Curreri Luciano (Université de Liège)